Vinitaly 2016

Redazione
Visite: 314

La più grande manifestazione che ha scandito l'evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, dal 10 al 13 Aprile 2016

A Verona Fiere dal 10 al 13 Aprile 2016, va in scena la cinquantesima edizione del Salone Internazionale dei Vini e Distillati. Lo slogan principale di quest’anno è “da un grande passato nasce un grande futuro”, sottolineando l’importanza di Vinitaly nel promuovere il vino in tutto il mondo. Vediamo ora effettivamente che significato storico ed evolutivo ha Vinitaly nei confonti del Vino ed in particolare del prodotto Italia:

Nel 1967 si svolsero per la prima volta, nel palazzo della Gran Guardia, le Giornate del Vino Italiano. Ciò rappresenterà l'atto di nascita ufficiale di questa manifestazione. Ma è dal 1971, che essa diventa Vinitaly: Salone delle Attività Vitivinicole, una vera e propria rassegna mercantile organizzata da Agriturist, che dal 1978 apre le porte alla partecipazione di aziende estere. Oltre al vino nel 1988 vengono introdotti il Salone della Grappa, del Brandy e dei Distillati.
L'internazionalità di Vinitaly è confermata nel 1998, che sceglie di andare in Cina, a Shanghai, con China Wine, un'esperienza positiva che si ripeterà negli anni seguenti.
Nel 2003 nasce Vinitaly for You, un dopo-Vinitaly dedicato ai wine lover, che trovano nello Palazzo della Gran Guardia, nel cuore storico di Verona dove tutto ebbe inizio, un ambiente giovanile ed accogliente per degustare i migliori vini.
Vinitaly raggiunge la piena maturità, per i suoi quarant'anni, nel 2006, presentando due nuovi padiglioni espositivi e amplia la presenza sui mercati esteri grazie a: Vinitaly Japan; alla prima edizione con il marchio Vinitaly in India, a Mumbay e New Delhi; alla terza in Russia con la novità di San Pietroburgo insieme alla consolidata Mosca; a Vinitaly US Tour (a Chicago, Los Angeles e Las Vegas) e alla già citata Vinitaly China a Shanghai. Tra i suoi obiettivi ha quello di individuare nuovi mercati di sbocco e la promozione del prodotto italiano.
Il 2007, invece, si conclude con il riconoscimento da parte dell'Ue della qualità, dell'innovazione e dell'organizzazione raggiunte da Verona Fiere con le sue iniziative internazionali in ambito enologico: Bruxelles approva un progetto comunitario triennale (2008-2010) cofinanziato da Italia e Unione Italiana Vini di circa 4 milioni di euro per la promozione dei vini europei di qualità in Cina, India e Russia, con Verona Fiere ente attuatore del progetto. In seguito a questo speciale mandato europeo, nel 2008 viene lanciato "Passionate Business", che rappresenta la sintesi della filosofia operativa di Verona Fiere: passione per il vino e concretezza degli affari.
Nel 2010 i servizi alle imprese si sono evoluti grazie al marketing diretto via web, che aumenta il numero di operatori specializzati provenienti dall'estero e fidelizza quelli che già sono stati a Vinitaly. La 44ª edizione di Vinitaly, inoltre, riceve per la prima volta nella sua storia, la visita ufficiale del presidente in carica della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, e nel 2011 in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia presenta "La Bottiglia dell'Unità d'Italia", sottolineando il legame di valori tra la manifestazione fieristica e la nazione.
Fino ad arrivare alla scorsa edizione, nel 2015, nella quale venne promosso il Corso di Specializzazione sul Vino Italiano, realizzato dall'International Vinitaly Academy (VIA), che dà l'accesso a due certificazioni in base alle competenze raggiunte: "Ambasciatore del Vino taliano" ed "Esperto del Vino Italiano". Gli "Italian Wine Expert" supportano come insegnanti l'attività dell’Academy nei loro Paesi.

Vinitaly fa parte della storia commerciale del vino ed è un importante palcoscenico del prodotto Italia in tutto il mondo.

www.vinitaly.com

F.B.

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?