Mental Coach

Redazione
Visite: 522

 Cos’ è il Mental Coach? E’ il professionista che attraverso un processo relazionale, esplora le potenzialità del suo cliente, al fine di aiutarlo nel perseguire e realizzare i suoi

desideri. Il Mental Coach ha clienti, non pazienti poichè non tratta casi patologici.

Il contesto si basa su diversi aspetti empatici, fra cui l’emozione e la capacità di ascolto.
Per ascoltare non intendo il sentire: sono due cose completamente diverse e spesso confuse, legate a volte da fattori , utilizzati come scuse, come lo stress o lo scarso tempo a disposizione. Il sentire, determina la conseguenza di non saper stringere buone relazioni nei vari ambiti della propria vita.

La differenza sostanziale tra ascoltare e sentire è proprio l'empatia, ossia la capacità di “collegarsi” con l'altro. Per semplificare possiamo sentire i rumori della città durante una passeggiata, rumori di sottofondo che però non entrano in relazione con le nostre emozioni, al contrario dell'ascoltare come facciamo con una canzone. Saper “Ascoltare” scatena delle emozioni, implica la capacità di agire, di creare azioni, di assumersi responsabilità, con influenza sulla nostra intelligenza emotiva.

Il Q.I. ossia quoziente intellettivo, non è più considerato l’unico fattore di successo o benessere nella vita di ognuno di noi; risultano invece fondamentali la capacità di comprendere, di saper riconoscere, utilizzare, gestire le proprie e altrui emozioni che fa la differenza del risultato!
Diventano quindi necessarie caratteristiche come la consapevolezza, il dominio di sé stessi, la motivazione, l'empatia e la capacità di stare in mezzo agli altri.

Non vi è mai capitato di recarvi al lavoro controvoglia a causa di un collega con cui non andate d'accordo o una posizione lavorativa che non soddisfa le vostre esigenze? Oppure il pensiero di aumentare i vostri profitti? Pensate a quegli atleti che cambiando allenatore, squadra o ambiente... improvvisamente fioriscono le loro prestazioni sportive!

Inoltre, troppo spesso nei rapporti interpersonali ,durante le discussioni, ci si sovrappone rendendo impossibile l'ascolto dell'altro delle sue motivazioni e la mancanza di rispetto della sensibilità altrui. A tal proposito un fattore importante sono le critiche che possono rappresentare dei veri propri K.O. di chi li riceve.
Per esempio negli atleti, le critiche se effettuate da giornalisti tifosi e società, rifletteranno nell’attività sportiva; nei rapporti di vita può succedere tra figli e genitori dove quest’ultimi rischiano di porre freni ed ostacoli ai sogni e alle personalità dei ragazzi; nelle aziende, attraverso colleghi o superiori a volte involontariamente con battute, altre volte con fare sprezzante, per non parlare di situazioni con dipendenti in costante conflitto.

Ma le critiche o semplicemente dei “no” oppure la mancanza di ascolto delle proprie esigenze rappresentano una demotivazione del proprio fare, dove la persona si spegne come un fiammifero. Vero è che un pizzico di competitività potenzia e stimola il lato creativo, però se è eccessivo, risulta nefasto!
Una buona armonia aumenta il famoso Q.I, quindi la possibilità di trovare soluzioni, ma anche la salute diminuendo la probabilità di ammalarsi(infortuni, artriti, cardiopatie, ulcere....). Tutto questo viene scatenano delle emozioni che per la precisione non vanno confuse con i sentimenti, la principale differenza e dovuta al fatto che le emozioni hanno una vita breve, i sentimenti nascono dalle emozioni e hanno una vita più lunga. Le emozioni inoltre non si possono manipolare, in quanto vi sono quelle innate come amore, paura, ira sia da quando siamo bambini, indipendentemente dalla nostra cultura di provenienza. Le emozioni sono delle chiavi che ci aiutano a relazionarci con l'esterno ossia le esterniamo, i sentimenti hanno un prerogativa più privata del nostro sentire. La normale crescita ci porta poi alle motivazioni, alla costruzione dei nostri desideri, e alla trasformazione della gioia di vivere.

A volte però rimangono atti incompiuti ed è questo lo scopo di un Mental Coach: aiutare la persona nella trasformazione della sua serenità, felicità e gioia.


Mental Coach Andrej Bandieri Riceve a Carpi

andrej bandieri 
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Telefono 380 4398920 
Facebook: Mental coach Andrej Bandieri 
linkedin Andrej Bandieri

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?