Malanni di Stagione

Redazione
Visite: 100
Malattie stagionali: la prevenzione prima di tutto! A Cura della Dottoressa Eleonora Turci. Per evitare il diffondersi delle sempre più diffuse malattie di stagione, spesso è spesso

consigliato prendere alcune piccole precauzioni, basandosi su una corretta alimentazione e su uno stile di vita sano. Uno dei consigli più importanti è aumentare il consumo di cibi ricchi di vitamina C, o acido ascorbico, che, oltre a possedere un'azione antinfiammatoria, rafforza il sistema immunitario e protegge il nostro organismo dalle infezioni provocate da virus e batteri.

Questa vitamina è presente soprattutto in frutta e verdura di stagione, come arance, limoni, kiwi e verdure a foglia verde, come ad esempio nei broccoli, negli spinaci e nel cavolo. Un'adeguata introduzione di vitamina C è inoltre necessaria perché aumenta l’assorbimento di Ferro, minerale importante per il sistema immunitario in quanto la sintesi di anticorpi è strettamente correlata ad un suo adeguato introito.

Il Ferro non è presente solo in carne e pesce come molti credono, ma anche in tanti alimenti di origine vegetale, come i legumi, i cereali integrali o la frutta secca. La vitamina C è un nutriente particolarmente labile ed è necessario tenerlo a mente soprattutto durante la preparazione dei pasti. La luce, l'aria e le temperature troppo elevate o troppo basse possono portare ad una perdita importante di acido ascorbico. Un lavaggio prolungato di verdure e ortaggi, o la cottura, per esempio, riducono la presenza di questa vitamina. Per aumentare l’apporto di vitamina C e l’assorbimento del Ferro è consigliato un consumo di almeno cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura di stagione e l’utilizzo di succo di limone o di arancia come condimento al posto di sale o aceto.

L’utilizzo di condimenti alternativi è un buon consiglio per evitare malattie stagionali, soprattutto se si ama il piccante: il peperoncino, la paprika, o il curry sono infatti fonti naturali di acido acetilsalicilico, un importante antinfiammatorio. Il consumo di alcuni alimenti come spezie e brodo caldo è anche importante in caso di raffreddore, in quanto agiscono dilatando i vasi sanguigni dell’apparato bronco-polmonare e ci permettono di respirare meglio, rendendo anche più fluidi muco e catarro. Un altro nutriente da ricordarsi in caso di raffreddore è lo Zinco, elemento che agisce diminuendo la durata della malattia e svolgendo un ruolo chiave all’interno del nostro sistema immunitario. Lo Zinco si può trovare in diversi alimenti, come nel pesce, nella carne e nella frutta secca.

In questo periodo, inoltre, è spesso consigliato l’utilizzo di aglio e cipolla durante la preparazione dei pasti: questi alimenti sono antisettici naturali e sono importanti per prevenire il mal di gola, la tosse o il raffreddore. Inoltre i cibi che contengono vitamina E, come nocciole, mandorle e olio extravergine d'oliva sono consigliati in questo periodo in quanto stimolanti del sistema immunitario. Anche il consumo di yogurt, se ricco in fermenti lattici vivi, è un ottimo alimento per la prevenzione dell'influenza stagionale: oltre a contenere probiotici che favoriscono la risposta immunitaria nel nostro organismo, protegge la flora batterica del nostro intestino. In caso di malattie e patologie da raffreddamento è sempre consigliabile un consumo costante e importante di liquidi, sia durante che fuori dai pasti.

Nei mesi più freddi è importantissima l'idratazione, bevendo almeno due litri d'acqua al giorno non fredda ma a temperatura ambiente. Anche tisane, infusi e tè verde sono consigliati in questi periodo. Tra gli integratori naturali possiamo trovare inoltre sostanze che prevengono i tipici mali stagionali, come ad esempio l'Echinacea. Grazie a questi piccoli accorgimenti potrete passare le feste natalizie all'insegna della salute e del benessere!

TURCI BANNER

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?