Gli Affari degli Altri

Redazione
Visite: 44
In queste mezze stagioni non si sa mai come vestirsi; c’è un forte sbalzo di temperatura e il dialetto puntualmente precisa con sagacia la situazione, definendo questo periodo...

l’è la stagiòun di melvistìi, ch a s póol ciapèer dal mèel. È la stagione dei malvestiti. Si può prendere del male. Purtroppo non è solo la stagione dei malvestiti, mò aanch quèela di ṡbrèega maròun. Dei rompiscatole.

Infatti stamattina sono uscito presto indossando un maglione; mi vede uno e mi fa: “Mò sa gh èet frèed, freddolini? Cuacèet!” Ma hai freddo? Copriti!
Vabbè! Torno a casa, dopo mezz’ora esco di nuovo con una giacchina – gilè senza maniche, multitasche. Incontro un altro e mi fa: “Vèet a pèss?” Vai a pescare? 
“No! A vaagh in dum pèer! Ti indespiées?” No! Vado dove mi pare! Ti dispiace?
Rientro e torno a uscire, stavolta mi metto una giacca blu in cotone, un po’ elegante.
Incrocio un conoscente che mi chiede un po’ beffardo: “Mò in du gh èet d andèer? Vistìi acsè! " Ma dove devi andare? Così agghindato!

“Savìi sa vò da diir? Andèe bèin a caghèer!! Tutt! “Sapete cosa ho da dirvi? Andate tutti al diavolo... Tutti!

Mauro D'Orazi
d orazi

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
Digitare il testo presente nell'immagine qui sotto. Non è chiaro?